Un cinema all’aperto A PEDALI? Efecto Pedal

Un cinema all’aperto A PEDALI? Efecto Pedal

by -
0 1602

Il cinema sostenibile che ha bisogno dell'energia del pubblico.

Il Parco delle Sculture di Santiago del Cile è un luogo magico dove da anni prende forma e si evolve il panorama culturale cileno: non è dunque la prima volta che questo spazio si presta a divenire anfiteatro di spettacoli e, all’occorrenza, cinema en plein air.

E fin qui tutto bellissimo, siamo d’accordo, d’altronde ce l’avete pure voi quasi sottocasa un cinema all’aperto, con tanto di candele antizanzare e venditore di snacks dolci a prezzi salati, allora di che vi stiamo a parlare?

Ebbene qui la storia è un pò diversa perchè il film viene proiettato esclusivamente grazie all’energia del pubblico. E non si tratta di applausi o grande trasporto emotivo –che pur aiutano ovviamente-, ma bensì degli energici polpacci di un gruppo di ciclo-cinefili, che si dimenano sul loro mezzo a due ruote per tutta la durata del film. Le biciclette sono infatti collegate a dei trasformatori elettrici che alimentano tutte le macchine audio e video necessarie, e pare che finora tutti i film siano arrivati fino ai titoli di coda senza intoppi né cali di pressione. Ma quanto si pedala?
A dire il vero, vi sono dieci bici guidate dal team organizzatore ed altri dieci attacchi che rimangono invece liberi per i volenterosi che vogliano mettere alla prova il proprio mezzo e le proprie energie e/o smaltire pop corns per il bene della comunità. Gli spettatori meno intraprendenti o quelli un pò più pigri, sono invece spiaggiati sul prato a godersi uno spettacolo che è frutto del connubio tra innovazione e slancio comunitario.

LEGGI ANCHE  In un mondo dove i cinema si chiudono, a Milano apre Il Cinemino

Diego Parodi, che da coordinatore di Efecto Cine ha seguito il progetto Efecto Pedal in plurime città del Sud America, spiega come gli obiettivi dell’iniziativa siano validi e variegati. Le proiezioni sono infatti gratuite ed accessibili ad un ampio pubblico che non solo viene a vedere un’opera cinematografica (prettamente produzioni sudamericane), ma che si trova anche a confrontarsi direttamente con le potenzialità delle energie rinnovabili e le loro molteplici ed efficaci applicazioni.

Un’idea geniale, dunque: sana, culturale e pure sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che da quello sociale (noi ci auguriamo che qualcuno a un certo punto dia il cambio!).
Ora restano solo poche cose da fare:
1. Importare il tutto.
2. Chiedere al maestro Alessandro Pigoni di farci una super lista di film pedalabili.
3. Farsi nuovi amici hipster con barba e polpacci e/o allenarsi su cyclette.

pedalo

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply