Tom Waits | Drunk on the Moon

Tom Waits | Drunk on the Moon

“Una voce come se fosse stata immersa in un tino di whiskey, poi appesa in un affumicatoio per qualche mese e infine portata fuori e investita con una macchina”

Heart of Saturday Night (1974) è il secondo album di Tom Waits, la voce irriverente e sanguinante delle mille sfaccettature delle serate sole. E a me piace per questo, per il sax che accompagna la dolcezza dei fari di una notte affogata nella pigrizia della sbronza e nella nicotina di una sigaretta. Un piano e un contrabbasso a descrivere le ore calme di una tarda primavera, ammorbidite da qualche sostanza illecita, jazz e blues inclusi.

Ci sono tali fertilità e rotondità in un decennio di musica (il SuperSound anni ’70 di Tarantiniana memoria), che diventa difficile superarne i risultati di varietà tematica ed espressiva.

La luna, nelle ballate di Van Morrison e nella Bad Moon Rising dei Creedence Clearwater Revival è il fondale di sospiri e di un romanticismo avvinazzato o della furia e della polvere della strada. Gli artisti sono cantastorie nella migliore delle ipotesi,  cani sciolti e rain dogs più verosimilmente. Sono animali a tutto tondo svezzati e feriti dalle esperienze.

LEGGI ANCHE  Il cuore di Keith Richards | Crosseyed Heart

Positivismo di Springsteen, ciao, Waits ha costruito su di sé l’immaginario di un antieroe, basandolo sui  limiti dell’ottimismo fiducioso dell’ american way e in sintonico accordo con la beat generation (vedi, per dire, l’amicizia con Charles BukowskiJack & Neal -(Foreign Affairs 1977-), dedicato al duo Kerouac e Cassidy).

tom waits

e la luna e le stelle e il mondo:

lunghe passeggiate
notturne –
ecco che cosa
rasserena
l’anima:
sbirciare nelle finestre
guardare stanche
donne di casa
che cercano
di tenere a bada
i mariti
imbestiati dalla birra.

– Charles Bukowski

 

I primi album di Waits (Closing Time e Heart of Saturday Night) sono quelli in cui la voce catramosa non è ancora impostata e l’accompagnamento con un’istrionica orchestra jazz deve aspettare l’uscita di Nighthawks At The Diner (1975) per vedere la scena.

Album strettamente lirici che in un certo senso,  mettono meno soggezione l’ascoltatore/spettatore e perdono in spettacolo quello che guadagnano in spontaneità.

La passeggiata al chiaro di luna, la bocca impastata dall’alcol e l’allegria chimica della sbronza cullano le dissertazioni di un uomo solo, il devils blues (citando Mingus), che inciampa nelle sue scarpe ma dipinge con puntuale esattezza e realismo le fantasie, gli incontri della notte.

LEGGI ANCHE  Di Johnny Rotten e Nouvelle Vague | Il Romanticismo a Sassate

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

SIMILAR ARTICLES

NO COMMENTS

Leave a Reply