Primo mattino sul monte Baldy | parentesi buddhista per Leonard Cohen

Primo mattino sul monte Baldy | parentesi buddhista per Leonard Cohen

by -
0 2065

…La mia reputazione

di Donnaiolo era uno scherzo

mi ha fatto ridere amaramente

nel corso delle diecimila notti

che ho passato da solo

Ho letto di recente che: Leonard Cohen aveva un passato da monaco buddhista. Interessante.

Dopo una decennale amicizia con il Maestro Zen Kyozan Joshu Sasaki Roshi – per gli amici semplicemente “Roshi” – l’ordinazione ufficiale a monaco di Cohen risale all’anno 1996, durante il suo soggiorno mistico di 6 anni presso il Centro Zen situato sul monte Baldy, in California.

Sul monte Baldy Leonard Cohen si rade i capelli e non è più Leonard Cohen ma ha un nuovo nome, Jikan, che significa Silenzioso. Oltre a meditare e a scrivere su quintali di carta, Jikan si occupa della ristorazione e cucina e lava i piatti per il suo maestro Roshi che avendo scarsa padronanza della lingua inglese si limita a ripetere un riconoscente “questo ristorante buono” mantenendo con il suo attendente Jikan un registro conversazionale all’insegna della semplicità più estrema. Cos’altro si potrebbe mai cercare in un monastero zen a 40 miglia a est di Los Angeles?

Leonard Cohen Preparing food for his fellow Buddhist types at the Mt. Baldy Zen Center

Per Jikan niente donne, niente whiskey, niente pubblico. Jikan scrive, abbiamo detto. Parte di ciò che scrive diventa una raccolta di poesie e brevi testimonianze di questo viaggio spirituale di un ebreo favorevole alla sperimentazione religiosa, The Book of Longing. Il libro su ciò che si desidera, il libro su ciò che brami quando la tua inclinazione alla riflessione mistica ti porta ai confini del mondo concedendoti moltissimo tempo – un tempo che sembra infinito – da dedicare al pensiero di ogni mancanza che man mano si ingigantisce raggiungendo un peso insopportabile con il quale non puoi proprio convivere. Un po’ il meccanismo elementare di quando cerchi di gonfiare con troppa aria un palloncino di gomma – a un certo punto scoppia e ti tocca ricominciare da capo. Ciò di cui volevi liberarti all’improvviso ti manca e gioca al gatto col topo con te e tu ovviamente sei il topo e sappiamo già come andrà a finire.

LEGGI ANCHE  Leonard Cohen: metti una sera al Chelsea Hotel...

Ogni mattino sul monte Baldy pulsioni e misticismo – due tra i temi perennemente ricorrenti nella poetica di Cohen – si toccano, si scontrano, si uniscono, diventano inscindibili. Memorabile e onesto incontro di sacro e profano – gli estremi tendono sempre a congiungersi all’istante e quando succede il contrasto improvviso fa quasi sorridere.

Una vestizione sacra e inevitabile, inevitabile come ciò che gli 8 chili di vestiti tentano maldestramente di nascondere.

 

“Primo mattino sul monte Baldy”

La sveglia ha suonato alle 2.30 del mattino

ho indossato

kimono e hakama

sul modello del costume da arciere

del XII secolo

e su di loro il koroma

una pesante sopravveste

con maniche incredibilmente ampie:

e sopra ancora il rusku

una sorta di pettorina patchwork

che ha al suo interno un dischetto d’avorio:

e infine la cintura a forma di serpente

lunga un paio di metri

che si attorciglia in un enorme stupendo nodo

che ricorda uno challah intrecciato

e copre la parte inferiore  del rusku:

in totale

fanno circa otto chili di vestiti

che ho indossato in gran fretta

alle 2.30 del mattino

sopra la mia enorme erezione

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

SIMILAR ARTICLES

NO COMMENTS

Leave a Reply