La copertina del nuovo album dei Mumford & Sons

La copertina del nuovo album dei Mumford & Sons

by -
5 5010

Judge an album by its cover

Il 4 maggio è stato rilasciato il nuovo album dei Mumford & Sons, l’attesissimo Wilder Mind.
Ma oggi non vogliamo parlarvi del disco. Oggi, cari fratelli e sorelle, vogliamo parlarvi della copertina. Che, sì, è un modo per parlarvi del disco.

Cosa vediamo? Una panchina in legno su una collina che dà sulla metropoli illuminata, di notte.
Se lo ascoltate, anche non attentamente, il disco è tutto qui. Sconfessando Frank-N-Furter che nel RHPS canta “don’t judge a book by its cover”. O forse no. Ché lui parlava di libri, in effetti, a non voler strumentalizzare.

Il disco è tutto qui, soprattutto se confrontiamo la nuova cover con quella del precedente album, Babel.

babel-mumford & sons

Babel: panca in legno con i quattro sopra, colori caldi, ambientazione e abbigliamento da countryside londinese, festa grande alle spalle, giorno.

Wilder Mind: panca in legno (la stessa), vuota, colori freddi, spazio verde e skyline della città, quiete, notte.

Il concept grafico segue l’evoluzione musicale. Wilder Mind rispetto al folk più tradizionale, in ciliegio, di Babel è un disco che si illumina, come il dorso della città, pur mantenendo la stessa anima (la panchina). Si passa dal folk acustico (pur sempre molto orecchiabile e vendibile) al folk-pop-elettroacustico, potenzialmente ancor più orecchiabile e vendibile. Si unisce la countryside alla metropoli, alla quale discograficamente si è puntato. Più che una virata, è stata operata un’espansione.

È una soluzione che viene evidentemente naturale a chi ha già ottenuto un discreto successo con un album folk. Con premesse e rese differenti, infatti, anche Bon Iver e Ben Howard con i loro rispettivi sophomore Bon Iver, Bon Iver e I Forget Where We Were¹ hanno scelto di rinnovarsi addobbando le loro chitarre acustiche con le luminarie: di natale, il primo; a led, il secondo.

Quello che distingue il tentativo dei Mumford & Sons da questi due precedenti (dico due, ma ce sono molti altri chiaramente) è la ricerca più propriamente commerciale del suono. Che non è un’offesa, per capirci.
Non sono di quelli che si sentono traditi dalla piega presa. Intanto perché non mi sono mai fidanzato con nessuno del gruppo, e poi perché la reputo una buona piega. Non si tratta di uno stravolgimento sonoro, ma di un proseguimento e di un’evoluzione interessante e valida.

Vale anche la pena dire, d’altro canto, che non è che si possa definire una scelta coraggiosa o chissàchealtro. Anzi, è un’operazione discograficamente intelligente. Hai visto che i ragazzi hanno stoffa e gli dici, ai ragazzi: “Ragazzi, sapete cosa? Bravi, molto bravi. Se adesso ci mettiamo e acchittiamo un paio di cose, non mi vendete un milione e rotti di dischi, ma almeno il doppio. Almeno, il doppio.” È un investimento, ma non così rischioso. I Mumford hanno dimostrato di potersela giocare. È un cambiamento, ma non così radicale, come qualcuno ha detto e scritto. Sticazzi il banjo. Si sente distintamente che la panchina è la stessa.

Mumford-and-Sons-Wilder-Mind-1140x641

In estrema sintesi, dunque, pijateve sto parere: il nuovo disco dei Mumford & Sons è un eccellente disco pop, che si lascia ascoltare con piacere dall’inizio alla fine. Un ottimo lavoro, che suona bene, che piacerà a molti e che non va perseguitato per questo. Se un pop da classifica ci deve essere, meglio che sia gradevole e di buona qualità. Non mi sembra il caso di fare del puritanesimo sull’indie-folk. Innanzitutto per ragioni di etimologia, ché pop e folk vanno a parare sullo stesso concetto alla fine. E poi perché devo trovare ancora qualcuno in grado di spiegarmi come cazzo suona un album indie-folk.

Più che Wilder Mind, l’album doveva chiamarsi Wiser Mind. Fidatevi, son mica scemi sti quattro.

 

 

[1] Non vi parlo bene di Bon Iver perché voi mezzecalzette hipsterorsi già lo idolatrate (se lo fate con la giusta dignità, fate bene); vi parlo bene invece del disco di Ben Howard, tra i più belli in assoluto del 2014 e che nessuno ha minimamente considerato. È come se passa una figa e state tutti girati a guardare lo scimpanzè che si fuma le sigarette. Per carità, merita anche, però un’occhiata almeno, alla figa, gliela devi dare. Vi consiglio un ascolto. Solo perché non posso obbligarvi.

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

5 COMMENTS

  1. […] tutta l’aria malinconica di questo mondo, cantando una versione acustica di White Blank Page dei Mumford & Sons facendomi piangere come una bambina di tre anni che non vuole andare a dormire. Il Lui, che d’ora […]

Leave a Reply