Give Me 5 (Freaks and Geeks Edition) | Vol. 109

Give Me 5 (Freaks and Geeks Edition) | Vol. 109

by -
0 2341
I protagonisti di Freaks And Geeks, in un'unica foto

Quando leggerete questo post, saprete già tutto quel che serve sulla giornata appena passata: chi avrà vinto le elezioni, a chi saranno stati assegnati gli Oscar. Ma, mentre lo scrivo, è ancora domenica e mi aspettano ancora ore e ore di unghia sgranocchiate e capelli strappati (invertite pure i participi a piacimento). Che fare, dunque, per sconfiggere questa angoscia preventiva? Io, per me, ho scelto cinque canzoni per raccontarvi Freaks And Geeks, forse la mia serie preferita di sempre.

LEGGI ANCHE  Oscar, politica, donne, ricchi premi e cotillon, venghino siori!

Il plot è facilmente riassumibile: siamo nel 1980 e la protagonista, Lindsay Weir, mathlete all’ultimo anno della McKinley High School, sta cercando come può di accattivarsi le simpatie di Daniel e dei suoi freak, rockettari spesso fumati che cazzeggiano nel cortile della scuola mentre nelle aule le stagioni e le lezioni scorrono come in un mondo parallelo. In contemporanea si sviluppa la storia del suo fratellino Sam, che con altri due geek cerca di sopravvivere alle ore di ginnastica e alle generiche sfighe del primo anno di scuole superiori. Tutto in diciotto episodi, perché nel 2000 la serie venne sospesa per via degli scarsi indici d’ascolto; in Italia è rimasta inedita fino al 2016, quando è stata inserita nel catalogo Netflix (da poco è stata rimossa, però). Ma nel frattempo, con l’arrivo di Internet, Freaks And Geeks aveva sviluppato un vero e proprio culto sotterraneo: perché?

Perché non c’è nulla di canonico e accomodante nel modo in cui la serie racconta gli estremi emotivi dell’adolescenza, i suoi piccoli, rari trionfi e i suoi frequenti fallimenti: la cotta di Sam per Cindy non va esattamente come ti aspetteresti; Nick ha una passione divorante per la musica, ma questo non farà di lui un grande batterista; Daniel e Kim nascondono dietro maschere da duri la fragilità di situazioni familiari insostenibili. Lindsay stessa, l’eroina della serie, non è esente da pecche: le sue sbandate improvvise sono semplicemente possibilità per lei, che dopotutto arriva da un contesto familiare grazie a cui può permettersele. Nulla a che vedere, insomma, con i picchi assordanti e gli adolescenti da spot-del-dentifricio dei teen dramedy dell’epoca.

D’altra parte, le idee e la mano sono quelle di Judd Apatow – a proposito, sta arrivando la terza stagione di Love, da non perdere – e il cast è stellare. A parte Linda Cardellini (che non avrà mai più ruoli così iconici), qui dentro trovate James Franco, Jason Segel (il Marshall di How I Met Your Mother, il vostro David Foster Wallace preferito), Seth Rogen e il mio personal Jesus comico Martin Starr (Superbad e Adventureland, per dirne due).

LEGGI ANCHE  The End of the Tour

Com’è ovvio in un prodotto simile, anche la colonna sonora è parte integrante del raffinato tessuto di Freaks And Geeks. Tutte le canzoni che sentite aderiscono straordinariamente ai personaggi; non c’è nulla di fico, mediamente rock da radio, che al massimo si colora di qualche tinta prog (Rush) e americana (Grateful Dead in salsa country-folk) e trova il punk solo verso la fine (e per una sola puntata con X e Black Flag). Tutta roba divertente, divertentissima, che non sceglieremmo proprio per finezza, ma assai funzionale per dire che ogni storia di adolescenza è una storia di groppi in gola e prese di coscienza. Qui sotto ne trovate cinque esempi.

Bad Reputation | Joan Jett

Freaks And Geeks ti prende il cuore dalla prima volta che vedi la sigla: gli attori principali si mettono in posa, uno dopo l’altro, per l’annuario; ognuno di loro, in un paio di secondi, riesce a mettere in scena per intero il proprio personaggio (menzione d’onore per il Bill Haverchuck di Martin Starr, ovviamente). Dietro, il pop-rock opportunamente punkizzato di Bad Reputation, superclassico di Joan Jett.

Come Sail Away | Styx

Il ballo. Quella cosa che ho sempre invidiato delle high school americane, e che ovviamente c’è in tutte le serie con un liceo di mezzo: qui arriva alla fine del primo episodio, dopo 45’ di ottovolante emotivo – così tante, le idee, che avrebbero riempito un film intero. La canzone degli Styx – un ballatone cheesy, esplicito, non certo in punta di fioretto – è perfetta per esprimere tutta la goffaggine di Sam e la gioia del sorriso di Lindsay, finalmente pieno, aperto. Quel sorriso che ancora oggi mi fa sospirare come un Charlie Brown qualsiasi.

Gonna Raise Hell | Cheap Trick

Halloween. I geek si preparano con costumi adeguati – anche qui vince a mani basse Martin Starr, con la sua Donna Bionica – mentre i freak e Lindsay passano il pomeriggio a sfondare zucche nel vicinato. Appropriatamente la killer track è Gonna Raise Hell dei Cheap Trick, uno di quei gruppi ignoranti che hanno influenzato le star del periodo d’oro dell’alternative rock più di quanto pensiate (Cobain e Corgan su tutti). Parte con una cadenza disco e va avanti per nove minuti a “sollevare l’inferno”: quello che pensano di fare i ragazzi, per combattere la noia della provincia con piccoli, goffi atti di gioioso vandalismo.

The Spirit Of Radio | Rush

In uno dei primi episodi, Nick mostra a Lindsay una batteria: il suo sogno, tutto ciò per cui per lui vale la pena stare al mondo. “You gotta find your big gigantic drumkit”, le dice. Ed è vero, ognuno di noi deve trovare la propria ragione; ma questo, in Freaks And Geeks, non implica nulla: il fatto di avere un obiettivo chiaro non significa necessariamente poterlo raggiungere. Ad ogni modo, da buon batterista, Nick è fissato con John Bonham (che però è appena morto) e Neil Peart, drummer dei Rush: The Spirit Of Radio è uno dei loro classici, lontano dalle suite da 20’ e più concentrato su un hard radiofonico, pure con un breve siparietto simil-reggae. Spoiler: il nostro eroe non riuscirà mai a suonarla così.

I’m One | The Who

Bill Haverchuck non ha una vita semplice: tra allergie e una madre single che fa il meglio che può, ha imparato presto a dover gestire la solitudine (nessuno smartphone ad alleviarla, qui). Nel quattordicesimo episodio, per novanta secondi ci sono solo la tv e uno stand-up comedian a fargli compagnia.

“Per la maggior parte della scena, lo avrete notato, ci sono pezzi di cibo incastrati fra i denti di Bill. Fa schifo ed è assolutamente perfetto. Questo realismo da cinema indie non era per niente abituale nella tv del 2000 – e anche ora è difficile vedere in televisione qualcuno che mostri come si comporta una persona quando nessuno la sta guardando.”

“Una cosa che amo di Freaks & Geeks è che comprende quanto significhi la cultura pop per gli adolescenti – sia che siano fissati con la comicità, con la fantascienza, l’heavy metal o Dungeons And Dragons. La cultura pop non è solo intrattenimento; è anche identità e comunità, trovare persone come te.”

Parole del New York Times, che ha dedicato un articolo intero a questa singola scena, sottolineando pure quanto sia azzeccata la scelta della I’m One degli Who come accompagnamento – l’attacco malinconico della strofa acustica (“I’m one”) diventa una portentosa dichiarazione d’indipendenza nel ritornello elettrico (“I’m the one”). Non saprei che altro aggiungere, davvero, perché questa è semplicemente una delle più belle scene che vi capiterà mai di vedere su uno schermo.

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply