Damien Hirst | Inscatolare lo Squalo

Damien Hirst | Inscatolare lo Squalo

by -
0 267
Damien Hirst | Inscatolare lo squalo

Titolo: The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone Living
Artista: Damien Hirst
TAR: teca di vetro e acciaio, formaldeide, squalo tigre
Anno: 1991
Collezione: privata

*

Guardalo, lo squalo.

Fermo nel tempo in un silenzio di piombo, a fauci spalancate, la sua gabbia d’acciaio una vetrina sull’eternità.

In una perfetta sinestesia estetica, la visione fisica dell’opera schiaccia nei timpani un silenzio assordante – più della sorpresa, più della spiata maestosità, fra le pinne ritte e il contorno acquatico ancora si indovina la solitaria rotta oceanica, il buio del fondale, che tracciava senza suono in lungo e in largo il pescecane. Un predatore vivente qualsiasi, prima di diventare defunta e irripetibile opera d’arte.

Damien Hirst è ossessionato dalla morte. Riversa tutta la sua virtù creativa in opere altrettanto ossessionanti – un teschio di platino e diamanti più costoso dei gioielli di Elisabetta II, un’enorme tela nera che pare un Rothko ma è una distesa di milioni di mosche e resina (Last Judgement, 2002 – la trovate alla Fondazione Prada) – e nel 1991, già enfant terrible degli YBA foraggiati da Charles Saatchi, si inventa la rappresentazione pratica dell’eterno sonno facendo altissima opera tassidermica di un fu squalo tigre, catturato per 6000$ da un pescatore del Queensland con una sola indicazione:

che sia abbastanza grande da inghiottirti.

Eccola, l’origine di The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone Living, titolo lunghissimo e ingombrante per ricordarci che finché viviamo la dipartita è un mostro alieno, ben lontano dal nostro comprendonio, visivamente bloccato in un limbo equamente sospeso fra l’essere vivente e il fantoccio di un’esistenza trapassata – un imbalsamato figliolo millenario dell’acqua salata e dei dinosauri.

Questa bestia antichissima che ci insegna a guardare la morte. Lo splendore d’abisso dei suoi denti scoperti ad afferrare una preda inesistente è il fotogramma immoto e tangibile dell’azione propria dello squalo, l’iperuranico spalancare la bocca appena prima del massacro. E resterà così per sempre, tutta questa grandiosa bellezza –  banalmente inscatolata, sotto vetro, nell’abbraccio sospeso della formaldeide.

In fondo, l’impossibilità fisica della morte nella mente di un essere vivente non è che uno squalo in gelatina.

LEGGI ANCHE  Rest Energy | Marina Abramović & Ulay
Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply