OPINIONI DI UN CLOWN | HEINRICH BÖLL

OPINIONI DI UN CLOWN | HEINRICH BÖLL

by -
1 3258

Saranno i gigli a salvarci

Coloro ai quali non è stato annunciato nulla di Lui, Lo vedranno; e coloro che non ne hanno udito parlare, Lo intenderanno.

Rom, XV:21.

 

Hans Schnier è uscito di casa a 21 anni per cominciare la carriera di clown, abbandonando la ricca famiglia, casata industriale.

La sorella Henriette è morta in guerra. Il fratello Leo si è fatto prete cattolico.

Solo delusioni e dolori per i vecchi genitori dunque. La madre tira avanti organizzando comitati per la gestione dei conflitti razziali. Cataloghi di negri, vetrine di zingari, da accompagnarsi con mandorle salate e sigarette di buona marca. Per il padre la maturazione adulta si misura con la capacità di farsi una ragione delle cose, e questo gli basta.

Accumulano approvazione, proprietà da rivendere.

E’ stato questo a spingere Hans lontano.

“Già da molto tempo pensavo a una pantomima con le chiavi: un intero mazzo di chiavi di ghiaccio che si liquefano durante il numero”.

Possesso che si sgretola.

 

Ed ecco

fumo è tutto

vento che ha fame.

Qohelet, I:14

 

Nei suoi viaggi alla ricerca di un palco è accompagnato da Maria, cattolica, suo grande e unico amore. I confini dell’amore da parte Maria si confondono in una generale vocazione alla salvazione, alla redenzione dei perduti.

“Il suo pensiero recondito era che io potessi un giorno convertirmi (questo recondito pensiero l’hanno tutti i cattolici)”.

Ossessione di raccogliere nuovo bene: registrarsi all’albo dei benefattori, spuntare ogni voce dell’elenco dei comandamenti.

 

E il giovane a lui: «Tutte queste cose le ho osservate; che mi manca ancora?» Gesù gli disse: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi ciò che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli; poi, vieni e seguimi». Ma il giovane, udita questa parola, se ne andò rattristato, perché aveva molti beni.

Mt, 19:20-22

 

Hans è condannato all’amore per Maria.

“Solo che io non sono affetto soltanto da malinconia, mal di testa, indolenza e dalla mistica facoltà di sentire gli odori per telefono. Il più terribile dei miei mali è la predisposizione alla monogamia; c’è una sola donna con cui posso fare tutto quello che gli uomini fanno con le donne: Maria. E da quando lei se n’è andata, vivo come dovrebbe vivere un monaco, con la differenza che io non sono un monaco.”

Infatti, dopo le continue pressioni sociali dei gruppi cattolici che circondano la coppia, Maria lascia Hans, sposandosi con Züpfner, esponente benvisto dei club altoborghesi.

La sicurezza sociale dell’anello d’oro vince ogni verità carnale, il simbolo massonico supera il segno umano, nei secoli dei secoli.

 

Gesù le dice: “Credimi, donna, è giunto il momento in cui né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre. [22]Voi adorate quel che non conoscete, noi adoriamo quello che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. [23]Ma è giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché il Padre cerca tali adoratori. [24]Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in spirito e verità”.

Gv, 4:20-24

 

A 28 anni Hans decide di tornare nel paese natio, Bonn, a infangarsi ubriaco di tutto il dolore che gli provoca l’addio di Maria, e il ginocchio tumefatto che gli impedisce di continuare a esibirsi.

Non vale più niente.

Il giorno della partenza il Signor Kostert, suo ultimo datore, si rifiuta di pagarlo i 100 marchi pattuiti. Hans non ne ha più, chiede solo di pagargli taxi, il treno per Bonn e una bottiglia di grappa. Dovrebbe anche occuparsi del suo bagaglio, dal momento che lui, infortunato, non riuscirà a portarlo. La coscienza cattolica di Kostert si contorce malata su sé stessa: alla fine l’uomo decide di portare i soldi giusti giusti per il treno (evitando attentamente la prima classe ma scegliendo la seconda) e taxi, risparmiandosi la grappa.

Fredda e cittadina gabbia del Necessario: la sopravvivenza e lo sviluppo valgono più della vita e della dignità.

 

Quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché niente si perda». Essi quindi li raccolsero e riempirono dodici ceste di pezzi che di quei cinque pani d’orzo erano avanzati a quelli che avevano mangiato.

Gv, 6:12-13

 

Hans Schnier non ha nessuna ideologia da predicare, nessuna morale da imporre. La sua via di fuga alla borghesia impoverita della Germania post-bellica e ai miopi deliri dei gruppi cattolici che lo soffocano diventa la maschera da clown, la componente estetica del rapporto sociale:boll

 “Non capivano che il segreto dell’orrore sta nel particolare. È molto facile, un gioco da bambini, pentirsi di gravicolpe: errori politici, adulterio, assassinio, antisemitismo. Ma chi perdona il particolare? Chi comprende i dettagli?”

[…] Avevo voglia di piangere: la biacca sul viso me lo impediva, era così perfetta con quelle crepe, con quei punti in cui il gesso cominciava a sfogliarsi; le lacrime avrebbero rovinato tutto.

 

Senza un marco, senza la prospettiva di soccorso immediato, Hans prende la chitarra e si reca alla stazione ferroviaria, dove aspetterà il ritorno di Maria dal viaggio di nozze. Mentre canta accompagnandosi con lo strumento, i passanti gettano monetine nel cappello.

 

La sua non è una lamentela, che fa diventare smisurate le cose piccole; è un lamento, che, al contrario, dando misura all’incommensurabile, grida l’urgenza di scardinare gli schemi impostati, di trovare un senso vero alle relazioni, agli scambi; alla sostanza preziosa degli istanti, delle piccole cose del mondo.

“Ma che tipo di uomo sei, in conclusione?” domandò Leo. “Sono un clown” risposi “e faccio collezione di attimi. Ciao.” E riattaccai.

 

Chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? Se non potete fare neppure così poco, perché vi preoccupate per il resto? Guardate come crescono i gigli: non faticano e non filano. Eppure io vi dico: neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro.

Lc, 12:25-27

 

 

Titolo: Opinioni di un clown

Autore: Heinrich Böll

Anno: 1963

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

SIMILAR ARTICLES

1 COMMENT

Leave a Reply