Macbeth, di Justin Kurzel

Macbeth, di Justin Kurzel

by -
0 1919
And all our yesterday have lighted fools the way to dusty death

La visione estetizzante del Macbeth di Kurzel è un trionfo per gli occhi, forma che si fa contenuto. La messa in scena è potente, immaginifica ed esteticamente inebriante. I colori saturi, la nebbia che scende dai monti come fosse un animale e l’uso sapiente del rallentatore riescono a creare una buona atmosfera, sospesa fra storia e fantasia, senza cadere nella trappola del troppo fumettistico à la 300 (dove l’effetto fumettistico era voluto, chiaramente).

Micheal Fassbender sembra nato per interpretare Macbeth, la sua intensità espressiva e la sua recitazione corporea sono splendide. I cambiamenti posturali che mette in atto con i passaggi di rango sono minimi, ma essenziali, nella comprensione della discesa nella follia. Marion Cotillard, al contrario, non ha la fisicità per rendere a pieno Lady Macbeth, ma una forte espressività del volto riscatta la sua recitazione.

A dispetto della bellezza visiva e della recitazione, però, il film non risulta così coeso come vorrebbe e si sente, talvolta in maniera importante, lo stacco fra le scene e le sequenze. Inoltre la sua fruibilità è limitata dalla scelta cosciente del regista di mettere in scena Shakespeare, fin anche nelle battute, senza provare ad innovare in alcun modo. Lontano dai modelli di Orson Welles o di Kurosawa, Kurzel preferisce l’estetica al coraggio dell’interpretazione dei retaggi passati, aggiungendo solo un accenno di sessualità (freudianamente intesa) che accompagna la scelta di compiere i misfatti.

Voto: 7

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply