L.A. Salami | Dancing With a Bad Grammar

L.A. Salami | Dancing With a Bad Grammar

by -
0 1148

“I try to put her down, but she’s always on the run,
I want to catch her, but I can’t slow her down”

C’è dell’energia propulsiva, fresca e declinante in “Dance With a Bad Grammar”, l’LP di debutto del poeta londinese L.A. Salami dalla consistenza del vento e innamorato del passato. Dice di amare la musica (il blues) anni ’60 e ’70 e che il suo cuore è lì e io ci credo nelle affinità elettive, nell’amore per Nick Drake e per i selvatici orizzonti. Ma quello che mi piace del suo sound è lo sguardo lucido che spazia sulla realtà presente senza sacrificare una certa dose di pungente e fragile ironia.
Dancing With a Bad Grammar” è un lavoro intimista e rissoso, ricercato ma immediato, decisamente e malinconicamente folk e molto molto nero. Nero in senso di determinata ribellione. Profondo e ricercato come i lunghi lavori riflettuti.
C’è della dolcezza nella denuncia di L.A. Salami, un folk libero e intenso che non si allontana mai dalla poesia urbana (ed è quasi MEP) di sentimenti sfuggenti e sospirati (& Bird) nei giorni che declinano all’autunno e invitano alla reazione, a schivare le unghiellate dello spleen e della saudade della quotidianità. A guardare con occhio critico e scettico il mondo che ci circonda, senza dimenticarne la dolcezza (Anything’s Greener Than Burnt Grass).

LEGGI ANCHE  A Firenze a sentire Calcutta

Ironico ma non disincantato, Lookman Adekunle Salami alterna un rock scompigliato (I Wear This Because Life is War) al nostalgico accordo di una chitarra classica e si cala nel presente e nell’atmosfera urbana attraverso parole scandite e incisive che ammiccano a un hip hop di sentimenti profondi.
Un po’ dell’impegno e della chitarra di Bob Dylan (e un’armonica sospetta nella meravigliosa Day to Day (6 days a week) e in Defo(a)rmation Days) si mescolano a una dolcezza senza tempo e a una voce vagamente ruvida e indignata. L’atmosfera preautunnale si trasforma in poesia beat, blues e rime serrate nel singolo “The City Nowadays” che è aggressivamente provocante in una condizione di sensuale abbandono. Le reminiscenze anni ’70 si sentono forte, si sentono tutte.

l.a.salami

 

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply