Addio Mio Novecento | Aldo Nove

Addio Mio Novecento | Aldo Nove

by -
0 1406

Durante un lungo momento di distrazione è stato approvato il manifesto della mia generazione e quando dico è stato approvato intendo dire da me stessa e quando dico la mia generazione intendo dire ancora me stessa.

L’unica parte del manifesto della mia generazione che posso confessare a chiunque a qualsiasi ora del giorno riguarda alcune cose di me che non riesco a capire e quando dico alcune cose di me intendo dire tutte le cose che sono tutte le cose che faccio. Me.

Potrei sbagliarmi, ma credo che Aldo Nove abbia detto: siamo nell’era della scomparsa.

Definitiva, nostra, totale. Non lasceremo tracce.

A pensarci bene sembra un po’ come dire che quindi noi non ci siamo già più, fin da ora.

Va bene, lo accetto. Anzi, forse no. È per distrarmi da questo che esiste l’oroscopo. È per distrarmi da questo che esiste la pranoterapia. È per distrarmi da questo che esistono i carboidrati complessi.

Io, dal canto mio, dico che l’unico dialogo contemplato dall’era della scomparsa sia un soliloquio.

Un soliloquio è ciò che porteremo con noi – senza testimone alcuno – nell’unico posto che ci appartiene che è l’unico posto in cui non andremo mai.

Un soliloquio è l’irrequieto spasmo labiale l’orazione egocentrica che non può fermarsi, eppure non va proprio da nessuna parte. L’autoreferenzialità ne impedisce qualsiasi movimento esterno.

Tutto-sempre.

L’addio non è al novecento, l’addio è alla memoria, alla continuità del passato perché noi non incarichiamo testimoni noi non diciamo niente di ciò che continuiamo a pensare quindi il nostro passato è già morto. Lunga vita al nostro passato.

LEGGI ANCHE  La $aga di Paperon de’ Paperoni, il più grande personaggio del ‘900

L’assenza di memoria è l’assenza di nostalgia, infine quindi è vero che si può trovare gratificazione in qualunque cosa perché a questo vuoto a perdere nostalgico rinuncerei sicuramente.

Noi non diciamo noi accumuliamo – moltiplichiamo – ciò che è fuggevole, ciò che in realtà non ci serve. Accumuliamo le nostre leggende personali – vuote – e accumuliamo pezzi d’arredamento scomponibili.

Quando dico che tutti siamo appesi per le braccia a delle testine fonografiche il cui unico obiettivo finale è rendere orecchiabili dei solchi vinilici impercettibili e apparentemente casuali tutti vogliono convincermi che queste testine fonografiche in realtà non esistono – non sono mai esistite – ma se queste testine fonografiche non esistono allora noi di preciso dov’è che siamo.

*

Addio Mio Novecento

Ovunque cose si moltiplicavano,

sembrava a tutti che fossero mondi.

Ma erano strappi, ferite

del pomeriggio ricomposte in flussi

di materiali differenti. Come

un intrattenimento duplicato

da non so più quale leggenda, nostra

e di nessuno, con nessuno dentro,

ma pieno di progresso.

Di sedie, giradischi

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply