A Dream | Edgar Allan Poe

A Dream | Edgar Allan Poe

by -
0 725

Si può considerare ok leggere Poe Mr. Never a Joy a fine marzo, nel pieno boom primaverile? C’è qualche problema? Non saprei.

Edgar Allan Poe credo viva tuttora in un mondo capovolto, è uno che si sveglia spaventato da un bellissimo sogno ma disposto a famigliarizzare e descrivere dettagliatamente, con una certa febbrile soddisfazione, qualsiasi incubo. Sono anche quasi sicura avesse una pessima calligrafia, tipico di chi non riesce a coordinare i movimenti motori della mano con quello che gli passa troppo velocemente per la testa.

L’incubo più grande accade quando Poe è pronto a mettere da parte ogni impeto romantico e a dirti che la poesia non è altro che un meccanismo perfetto. Una delle cose più spaventose che Poe può insegnarti, e che ti fa mettere in discussione gran parte di quello che hai letto prima, è che nella sua Filosofia della composizione non fa che ripeterti che la poesia non nasce dall’ispirazione. La poesia è struttura, organizzazione, preparazione schematica, ricerca del tono perfetto per ricreare quel preciso effetto che il poeta si prefigge e dal quale non è disposto ad allontanarsi. Insomma, l’improvvisazione tende a non esistere e l’unica certezza che ora ti rimane è il jet lag poetico, quella vecchia storia che le poesie più belle sono state scritte di notte, con un certo modus operandi ben definito, certo, ma a lume di candela. Ma, anche questo, chissà se è vero.

“No one point in composition is referable either to accident or intuition.”

Per comporre efficacemente devi conoscerne le regole del gioco, e Poe ovviamente ben conosce le regole efficaci per creare un componimento perfetto nel quale la Bellezza non è una qualità effimera e materiale ma un effetto, una sensazione, da suscitare nel proprio pubblico di lettori. Ogni ingranaggio è nel posto preciso in cui dovrebbe trovarsi, la creazione della giusta atmosfera prevede che nulla sia lasciato al caso.

LEGGI ANCHE  Love, Death & Robots: una (cattiva) lezione su cortometraggi e fantascienza

Poe è un poeta morboso, ossessivo. La ferita all’interno del suo A Dream, del suo sogno ricorrente, è una delle più reali: la perdita (o allontanamento) da una persona cara. Ma la scoperta che lo attende al risveglio è che quella mancanza la ritroverà anche nel mondo reale, quella mancanza è vera: il confine tra sogno e realtà, dunque, non esiste.

Cosa c’è, allora, di più brillante della verità alla quale è impossibile sottrarsi anche nei sogni?

*

A Dream

In visions of the dark night

I have dreamed of joy departed –

But a waking dream of life and light

Hath left me broken-hearted.

 

Ah! what is not a dream by day

To him whose eyes are cast

On things around him with a ray

Turned back upon the past?

 

That holy dream – that holy dream.

While all the world were chiding,

Hath cheered me as a lovely beam

A lonely spirit guiding.

 

What though that light, thro’ storm and night.

So trembled from afar –

What could there be more purely bright

In Truth’s day-star?

LEGGI ANCHE  “The Dinosaur Bones”: poesia per chi ha nostalgia del Mesozoico
Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply