Our Planet / Il nostro pianeta | L’angoscia della bellezza

Our Planet / Il nostro pianeta | L’angoscia della bellezza

by -
0 419
Humpback whale is feeding off Cape Town in November, during Cape Town’s summer. ©Our Planet / Steve Benjamin/Silverback Films / Netflix

Non è mai stato così urgente, necessario, imperativo e importante riconoscere quanto è fragile il nostro pianeta. Eccola, la banalità del male. L’angoscia potente che resta quando scorre l’ultimo titolo di coda di OUR PLANET / IL NOSTRO PIANETA, la serie documentario originale Netflix, nata dalla collaborazione tra WWF, Netflix e Silverback Films.

“Oggi la più grande minaccia per la sopravvivenza del nostro pianeta siamo noi” (WWF)

Stiamo perdendo quanto di più prezioso abbiamo ad una rapidità senza precedenti. Negli ultimi cinquant’anni è scomparso 60% dei vertebrati. Lo stato di salute delle foreste, degli oceani e delle acque dolci è sempre più precario. E, molto semplicemente, l’uomo non può continuare a esistere in un mondo senza natura. 

Roma, quotidiano disastro indifferenziato su tela.

Giovedì 18 Aprile 2019 ho avuto la fortuna e l’onore di incontrare Greta Thunberg, la giovane attivista svedese per il clima, scelta da Time tra le persone più influenti dell’anno, che con il suo Sciopero Scolastico per il Clima ha dato vita a un movimento mondiale e, forse, finalmente, anche a un cambio di passo. Ed è con il ricordo potente dei suoi occhi angosciati e battaglieri che mi sono approcciato ai frame di questa straordinaria serie di documentari.

“Quando vedono certe immagini in molti restano colpiti, poi pensano: oh è molto triste, e vanno avanti con le loro vite. Ma certe immagini mi hanno spinto ad agire. Avevo otto anni e ho pensato: se questa è la realtà perché non stiamo facendo nulla?”
(Greta Thunberg, Piazzapulita – La7, 18 aprile 2019)

Ecco. L’obiettivo primo di questo lavoro è proprio impedirci di limitarci alla commozione. Perché sì, di fronte ad alcune scene di Our Planet si può arrivare a piangere.

Un vero e proprio binge watching della natura. Otto parti, più che puntate. Ognuna è dedicata a un diverso ambiente naturale, fatta eccezione per il primo episodio che è un’introduzione magnetica ai successivi:  “Mondi congelati”, “Giungle”, “Acque costiere”, “Dai deserti alle praterie”, “Mare aperto”, “Acqua dolce” e “Foreste”.




Scene tanto inedite quanto indescrivibili. La danza di corteggiamento di alcuni uccelli. Le balene che cacciano in branco riprese dal cielo a formare una spirale marina. I trichechi, rimasti senza spazio vitale ghiacciato per fermarsi a riposare, che si inerpicano sugli scogli più alti e, al momento di scendere, rotolano a terra da decine di metri sfracellandosi al suolo. L’eutanasia della natura che, senza più mezzi di sostentamento, privata del suo naturale corso dalla mano dell’uomo, si arrende.

LEGGI ANCHE  Il latrato della Natura, De Rerum Natura (III, 950 – 974), Tito Lucrezio Caro
Arabian Oryx in the Empty Quarter, these are part of a reintroduced population after they went extinct in the wild in the 70’s. ©Our Planet;Jo Harvey;Silverback Films;Netflix

La voce di Sir David Attenborough, il famoso divulgatore scientifico e naturalista britannico, accompagna in questo viaggio stupefacente. Il Piero Angela in salsa anglosassone, riesce a far ridere con una sapiente ironia british, ad ammutolire con un disperato realismo, a far muovere le corde dell’anima al ritmo delle immagini. Altamente consigliata la fruizione in lingua originale, insomma.

A un occhio appassionato di documentari e reportage, infine, c’è un ulteriore dettaglio che lascia veramente stupefatti. Girato in 50 paesi, in 4 anni, in tutti continenti, con una troupe di oltre 600 membri è una vera e propria produzione monstre che non invade mai lo spazio della natura nelle immagini. Per ore ti chiedi come sia stato possibile filmare determinate scene, come abbiano raccolto un audio così pulito, come si sia arrivati ad avere una definizione così alta di momenti così rari e lontani. Nella sezione “trailer e altro”, comunque, c’è un contenuto speciale che illustra come siano state filmati alcuni dei passaggi.

Our Planet, dietro le quinte – Courtesy: Netflix Media Center

Dalle foreste del Sud America ai territori immensi dell’Africa dove migrano, a piedi, migliaia di cuccioli di fenicottero in cerca di acqua. Dalle zone selvagge dell’Artico dove il cucciolo di orso polare, cacciatore inesperto, si lascia sfuggire la piccola foca, alle creature più sconosciute degli abissi, alcune riprese addirittura per la prima volta nella storia.

Guardate IL NOSTRO PIANETA. Stupitevi. Rattristatevi. Ma non dimenticatevene.

Non c’è angoscia più preziosa di quella che vi lascerà questo documentario. 

“Entro il 2030 sarà troppo tardi e il processo sarà irreversibile. Abbiamo ancora del tempo per cambiare le cose” (Greta Thunberg, Piazzapulita – La7, 18 aprile 2019)

Qui il link per vederlo su NETFLIX ITALIA. 

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply