L’emozionante antologia fotografica di Paolo Pellegrin | Maxxi Museum Roma

L’emozionante antologia fotografica di Paolo Pellegrin | Maxxi Museum Roma

by -
0 488
La prima sala della mostra del fotografo Paolo Pellegrin al MAXXI a Roma

Sbarca al MAXXI di Roma la raccolta antologica del fotografo Paolo Pellegrin. Romano, classe 1964, Paolo Pellegrin è stato ad oggi insignito di 10 World Press Photo Award, svariati Photographer of the Year Award e altri innumerevoli premi e medaglie. Insomma, è uno dei più importanti fotografi della scena internazionale, e a lui il museo ha dedicato una grande mostra a cura di Germano Celant, aperta dal 7 novembre 2018 al 10 marzo 2019. 

E’ un viaggio intorno al mondo scevro di retorica, quello che si inizia salendo dalla scalinata che porta alla quinta galleria del MAXXI. Sul muro ondeggia la proiezione di un mare calmo mentre la luce cala per entrare nel buio delle pareti nere dell’allestimento.

Nel percorso si va dal buio alla luce, infatti. Dove il buio è la prima parte dalle pareti scure, dedicata all’uomo e alle sue vicende, e la luce è la seconda, dedicata alla natura intensa e (in)sofferente.  Non c’è una scansione cronologica, dunque. Non si cerca di rappresentare un’evoluzione stilistica, ma una tecnica narrativa. E l’efficacia della resa è massima.

LEGGI ANCHE  La fotografia come un pugno in faccia | World Press Photo Exhibition

“Un metodo di lavoro che rimanda all’idea di un giornalismo lento, guidato dall’urgenza intellettiva dell’approfondimento piuttosto che dal desiderio di carpire un’immagine iconica” 
Germano Celant, curatore

Recita queste parole il grande pannello introduttivo all’ingresso della sala. Ed è guidati da questa frase che arriva dritta tutta l’emozione di questa mostra. Ci sono gli uomini, ci sono le guerre e le emergenze umanitarie, ma anche la potenza della natura e la poesia dei volti quotidiani. C’è la vita di un giornalista a tutti gli effetti, che alla parola preferisce la deduzione dello sguardo. C’è un uso della luce che magnetizza. C’è la volontà di capire e trasmettere gli intendimenti. C’è l’informazione per come dovrebbe essere: un obiettivo che cesella, come a prendere appunti. C’è la passione per il reale. 

La raccolta sulla battaglia di Mosul di Paolo Pellegrin esplode come una “Guernica contemporanea”.

Si passa da una parete dedicata alla Battaglia di Mosul del 2016, sapientemente definita dagli organizzatori “una Guernica contemporanea” al racconto per immagini della violenza e del razzismo negli Stati Uniti. Si va da Roma a Lesbo, dal muro tra il Messico e gli USA a El Paso a Tokyo.

Sembra di leggere il taccuino di un cronista, di un uomo che studia e ricerca, che vuole raccontare una storia. Infonde speranza, questa mostra. Ecco cosa lascia, all’uscita, quando scorri la parete di appunti dell’autore, di bozze di studio dell’immagine, di brandelli di contemporaneità. E’ quella la potenza del racconto della realtà che irrompe sopra le esigenze della bulimia dell’informazione.

La mostra di Paolo Pellegrin al MAXXI, infatti, restituisce la bellezza della complessità a scapito delle semplificazioni in cui frequentemente si incappa, vuoi per i budget, vuoi per i tempi di editing, e così via… E’ un documentario muto che mette al centro l’importanza dello studio, della contemplazione, dell’immersione.

LEGGI ANCHE  Il viaggio dell'Aquarius, portatrice di Salvezza
Un viaggio dal buio alla luce.

“Il reportage di Pellegrin è una manifestazione dell’interpretazione personale, che si alimenta di estetica e di espressività, di angoscia e di sofferenza. È la sintesi di una posizione critica del fotografo rispetto alla visione impersonale della realtà: un racconto, scandito per momenti e per capitoli, che aiuta a mettere in contesto la situazione affrontata e chi la documenta”
Germano Celant, curatore

La violenza del reale che traspare dalle fotografie, ci ricorda quanto siamo sempre meno abituati ad accettarne le migliaia di sfaccettature. Ad approfondire i contesti. E a maggior ragione ora, che è tornato di moda prendere solo un piccolo aspetto delle cose per farne arma di propaganda, mostre come queste sono una boccata d’ossigeno. Andarci restituisce l’amore per il fare e ricercare un’informazione di qualità, povera di retorica e condizionamenti.

Fonte: cartella stampa MAXXI

 

MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo | www.maxxi.art
orario di apertura: 11.00 – 19.00
Biglietto intero €12,00 | Biglietto ridotto € 9,00

 

 

 

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply