Una webzine culturale come antidoto alle fake news

Una webzine culturale come antidoto alle fake news

by -
0 1528

È successo. Siamo saliti in cattedra all’università di Gorizia.

Forse non ve ne eravate accorti, in fondo abbiamo vissuto l’evento molto in sordina

…e non ci siamo nemmeno fatti prendere troppo la mano

Siamo stati invitati all’evento organizzato da Sconfinare, il giornale degli studenti di Scienze Internazionali e Diplomatiche a Gorizia e, scampata la sincope per la sorpresa, ne siamo stati felicissimi. Come tema della giornata è stato scelto: “(Dis)informazione: riconoscerla, prevenirla, combatterla”. Al mattino una tavola rotonda nell’Aula Magna ha visto succedersi Giulio Gambino, direttore di The Post Internazionale; Tommaso Cerno, direttore de L’Espresso e Marco Ciardi, membro del Comitato Italiano per il Controllo sulle Affermazioni sul Paranormale (Cicap). Insieme hanno analizzato il fenomeno delle fake news sotto gli aspetti politici e scientifici.

Poi, rullo di tamburi, dopo i big del giornalismo italiano è toccato a noi l’onere di combattere l’abbiocco post prandiale a colpi di slide di Toy Story e aneddotica.Schermata 2017-05-16 alle 17.55.42

SALT è stato incluso in un ciclo di workshop pomeridiani insieme al fondatore del blog Butac – Bufale un tanto al chilo Michelangelo Coltelli e la sua collaboratrice Noemi Jane Urso per andare “a caccia di bufale sui social network”. Con malcelato rammarico abbiamo notato che anche i loro adesivi erano piuttosto fighi. A seguire, si sono rubati il microfono il conduttore tv e co-autore de Le Iene di Italia1, Massimiliano Andreetta e Gabriele Zagni – inizialmente nei panni di producer per Piazzapulita – La7, invitato per riflettere sull’uso del web come fonte giornalistica e – tadaaaan – Francesca Bianchi, per raccontare il ruolo della nostra webzine culturale come antidoto alle fake news. Alle Instagram Stories in diretta durante lo speech per voi social-SALT-addicted (per le mamme e i papà da casa, ndr): Ludovica Masella.

Presupposto di partenza del nostro workshop (alias: che ci fa SALT ad un evento sulle fake news?): per evitare le fake news è sufficiente imitare il nostro operato: non parlare di news!

Semplice, chiaro, lampante.

La battuta vuole essere ironica soltanto in parte, perché ci piace definirci una “webzine a chilometro zero” e “a conduzione familiare”. Un agglomerato della nostra visione del sale della vita con una redazione geograficamente liquida tra Milano, Bergamo, Torino, Bologna, Roma, Berlino e, a breve, Parigi e Lipsia.

Dunque, siamo una redazione online. E proprio per lo “stare online” viviamo da osservatori il fenomeno delle bufale (per dirla come i nostri amici di BUTAC). Le fake news proliferano sul web perché non sono altro che notizie “bomba”, virali, il cui contenuto o l’autore non vengono verificati. Puntano a stimolare forme di rabbia, di condivisione massiva, di immedesimazione insensata e innecessaria. Puntano, molto spesso, a spostare le opinioni dei più a scapito di categorie “minori(tarie)”. Puntano alla legge del più forte che è quella del “click”, che spesso si traduce in commissioni economiche, contro l’approfondimento.

Ed è partendo da questi presupposti che, come una goccia in più nell’oceano, proviamo anche noi a combattere queste fake news cercando di offrirvi un antidoto, una sorta di linea guida per non perdervi nel mare magnum digitale. Il nostro antidoto è infatti basato sulla nostra esperienza diretta: tutto quello che leggerete tra queste pagine virtuali non è altro che un catalogo di informazioni culturali dove tutto è stato sperimentato in prima persona dai nostri autori.

È una sensazione straordinaria quella di raccontare questo progetto al pubblico e poterlo fare, finalmente, di persona.

Combattere la dis-informazione a colpi di cultura è uno dei doveri che ci siamo implicitamente imposti: se ciò dovesse venire meno, cadrebbe l’anima del progetto stesso.
La nostra fortuna è non esserci ancora stancati di farlo e se per caso voleste unirvi a noi in questa “battaglia”, scriveteci un’email a info@salteditions.it – saremo felici di avervi in redazione!

Schermata 2017-05-16 alle 17.55.54

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply