Gli Scarabocchi sono la nuova forma del pensiero esistenzialista

Gli Scarabocchi sono la nuova forma del pensiero esistenzialista

by -
0 581

Il primo volume dell'opera omnia di Maicol & Mirco si chiama ARGH ed è molto più di quanto vi aspettate.

Non è la prima volta che mi capita di parlarvi di questo autore, ma la prima uscita dell’opera omnia di Maicol & Mirco, grazie a BAO Publishing in occasione dell’ultima Lucca, mi ha permesso di trascorrere qualche ora immersa nella lettura di un autore che apprezzo molto e di cui continuo a scoprire nuove sfaccettature. Al contrario de “Il suicidio spiegato a mio figlio” e “Il papà di Dio”, “ARGH” non è un vero e proprio graphic novel, ma è una raccolta sistematica dei celebri Scarabocchi neri a sfondo rosso, elemento assolutamente originale dell’autore, in cui probabilmente vi sarete imbattuti qualche volta in rete.

Ma il risultato finale va ben oltre alla semplice raccolta. Leggere insieme tutti questi scarabocchi, poterli confrontare e seguirne l’evoluzione mi ha permesso di capire quanto ognuno di essi si arricchisca di significato solo se letto nel contesto della raccolta stessa, rendendo, quindi, questo volume un elemento imprescindibile nelle nostre biblioteche.

Sarà capitato anche a voi di apprezzare uno Scarabocchio con una battuta particolarmente brillante o con un dialogo incredibilmente cinico. Pur seguendo l’autore da diversi anni, però, non mi aspettavo di trovare, in questa raccolta, una riflessione sull’esistenza portata avanti da personaggi vagamente antropomorfi, ma consapevoli del loro ruolo ambivalente di simbolo (dell’essere umano reale) e di personaggio di un fumetto, capaci quindi di esprimere un pensiero “meta-fumettistico”. La realtà fittizia di questi personaggi, infatti, non è altro che l’estremizzazione della nostra realtà, un luogo svuotato da ogni senso escatologico, in cui la vita è un’inevitabile condizione da subire e il suicidio, o la consapevolezza della sua possibilità, l’unico atto di ribellione e libertà che si possa esercitare. Inoltre, un secondo parallelismo si ritrova nella natura stessa di questa realtà, frutto della creazione di un artista, i cui personaggi, però, sono dotati di libero arbitrio, come ammette l’autore nell’introduzione, e si sono affrancati dalla credenza dell’esistenza di un Dio superiore, pur rimanendo consapevoli del fatto che la loro esistenza rimanga legata indissolubilmente alla “rappresentazione” artistica di cui fanno parte. Il concetto di Dio artista, equivalente alla figura dell’autore-creatore del fumetto, demiurgo di una realtà su cui non ha alcun controllo è un tema che poi verrà affrontato molto più estesamente ne “Il papà di Dio”.

LEGGI ANCHE  I Kill Giants - Le grandi battaglie della vita

E quindi cosa risponderemmo al personaggio che si chiede “Esisterò?”?. Siamo sicuri che il doppelgänger Mirco non esista davvero anche se compare in uno Scarabocchio? Mano a mano che si sfogliano le pagine questi paradossi, questi cortocircuiti diventano sempre più pressanti e gli Scarabocchi si rivelano nella loro vera funzione, ovvero forma espressiva di un vero e proprio impianto per un pensiero esistenzialista. Dopotutto, il pensiero di Maicol & Mirco si articola a partire da una solida base teologica, e la riflessione su Dio non manca mai negli esistenzialisti da Epicuro a Sartre, fino a snocciolare tutte le miserie della natura umana attraverso la “realtà/rappresentazione” in cui vivono i suoi personaggi.

LEGGI ANCHE  Anubi nella corte dei morti

Non deve sorprendere il fatto che, nell’era di Internet, un pensiero venga veicolato da singole vignette colorate e facilmente fruibili attraverso uno schermo. Storicamente la riflessione esistenzialista ha assunto o la forma più congeniale alla sua epoca o è stata prodotta da menti così originali che hanno “inventato” un loro modo di esprimersi. Così ritroviamo nella stessa corrente filosofica, ad esempio, i poemi didascalici degli epicurei, i trattati sistematici di Kierkegaard e Shopenhauer, i romanzi novecenteschi di Sartre e Camus, gli aforismi di Nietzche e Cioran e, per quanto mi riguarda, i grandi romanzi fantascientifici di Herbert e Lem.

Ma gli Scarabocchi non stimolano solamente la riflessione; o meglio, ciò che li rende assolutamente irresistibili è che lo fanno mentre inevitabilmente provocano una risata che è insieme espressione di vero divertimento e un gesto apotropaico e liberatorio. Nell’introduzione al volume Adriano Ercolani cita se stesso scrivendo: “Se fossi un editore non esiterei a pubblicarne l’opera omnia. Perché quando anche non entrasse nella classifica dei libri più venduti, sicuramente potrebbe entrare nei libri di storia della filosofia.” Il secondo volume della raccolta si chiamerà “SOB”: non penso di aver mai sentito un titolo più programmatico e coerente di questo.

Titolo: ARGH

Autore/i: Maicol & Mirco

Casa editrice: BAO Publishing

Anno di pubblicazione: 2018

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply