Iscriviti alla Newsletter di Salt Editions e rimani aggiornato su tutte le news!

Sale in Versi

Sale in Versi

La rubrica di poesia di SALT. L'unico scopo di questa rubrica é diffondere le nostre poesie preferite, quelle che magari scopri un po' per caso, quelle che corri a segnarti su un quaderno, quelle che hanno un suono cosi bello da rientrare a pieno titolo nel Sale della Vita. Si accettano suggerimenti per le prossime uscite!
Un ritratto di Anna Achmatova

0 407

"Non so se sei vivo o sei perduto per sempre, se posso ancora cercarti nel mondo o ti debbo piangere mestamente come morto nei pensieri della sera. Ti ho...

0 557

La voce è il tratto distintivo che più tendiamo a memorizzare di ogni personaggio. Crediamo che sia strettamente collegato al suo essere, e che ogni sbavatura o tratto inatteso sia pronto a svelarne inaspettatamente la sua vera anima. Forse è per questo che Herbert White, per quanto ne sappiamo, preferisce non dire quasi niente.

0 1552

Carola Rackete sulla sua nave come Antigone davanti al tribunale di Creonte: due donne fedeli alla coscienza, sopra la legge assurda dello Stato.

0 671

Sondaggione: domandate ad un un campione di amici, familiari, nemici, purché lettori se apprezzino o meno Gadda. La mia on field experience - più...

0 1233

Penelope e Ulisse sono "simili e dissimili: si contraddicono e si completano. Da questo gioco intricato di somiglianze, dissimiglianze e riflessi, nasce la concordia profondissima tra il marito e la moglie"

0 710

L'incubo più grande accade quando Poe è pronto a mettere da parte ogni impeto romantico e a dirti che la poesia non è altro che un meccanismo perfetto.

1 648

“Elogio dell’ombra” è un meraviglioso insieme di intuizioni filosofiche, religiose, morali che hanno dato voce alle inquietudini etiche e metafisiche del mondo intero.

0 731

Antonia Pozzi e una poesia d'amore: "Ricongiungimento".

0 640

I colori sui quali contiamo sono il rosso per la marmellata di lamponi, il bianco dell'interno della coscia, il violetto come nel fondo, il blu degli umori, il verde cetriolo (automobili)

0 1180

Nel 1923 Borges pubblica il suo primo libro, una raccolta di poesie intitolata "Fervore di Buenos Aires": "Llaneza", che qui è contenuta, canta la familiarità, il rifugio, il posto in cui siamo noi stessi.