Ballata delle madri, Pier Paolo Pasolini

Ballata delle madri, Pier Paolo Pasolini

by -
0 7165

Voglio leggere Pasolini e ritrovarvi la sua antitetica personalità tanto pungente quanto delicata: la sua raccolta Poesia in forma di rosa fa letteralmente al caso mio, anche se il timore di non capire mi ha spesso frenato dall’avvicinarmi alle sue parole, più vicine all’utilitarismo che all’essere fine a loro stesse. Lo ammetto: se leggo Pasolini, voglio imparare qualcosa.

Non è certo che, tra le poesie e i poemi qui raccolti, riuscirò stabilizzare nel mio immaginario il pensiero ideologico dell’autore: Rivoluzione e Sentimento si uniscono sottolineando la vocazione di Pasolini nei confronti della “pura opposizione” di chi è condannato, per il troppo amore a “non amare nessuno e non essere amato da nessuno” nella dolorosa e terrena pratica nella quale si aggirano ciclicamente “anime in cui il mondo è dannato / a non dare né dolore né gioia”.

LEGGI ANCHE  I Ragazzi di vita di Pasolini

La Ballata delle madri è il primo inno interrogativo che ritroviamo nella raccolta dedicato ad una ormai post neorealista Roma periferica, siamo nei primi anni ’60, impersonificata nella fondamentale figura materna: la Mamma Roma è resa qui assenziale per la formazione di Pasolini tanto quanto l’amatissima madre, Susanna: “la sola al mondo che sa, del mio cuore, / ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore”. L’onnipotenza materna. Un amore eccessivo, definito ‘mostruoso’ e allo stesso tempo ‘sordidamente muto’ dallo stesso Pasolini in una delle sue interviste, un amore in procinto di ribellarsi fino ad acquisire profonda coscienza di essere oggetto di un sentimento esclusivo, rassegnandosi nell’impossibilità della sua riproponibilità verso tutte le altre e tutti gli altri.Pasolini

Le due madri, fondamentali per l’educazione sentimentale e morale di ogni individuo, coincidono quindi con la figura della madre biologica e quella della madre terra con la quale ci mescoliamo, cadendo e rialzandoci, nel corso della nostra esistenza.

Nell’iniziale interrogativo, Pasolini pone una domanda tanto radicale quanto familiarizzante, vi domanda “che madri avete avuto”, ovvero come entrambe le vostre madri vi abbiano guardato, capito, amato, condotti attraverso la vostra crescita e in quale misura il loro amore sia stato determinante per voi. Quali parole vi abbiano insegnato per “rispondere del selvaggio dolore di esser uomini”, finale emblema della comune condizione umana e dell’amore e della rabbia racchiusi all’interno di tutto il poema.

Proprio loro, le madri, che questo dolore lo provano con rabbia e rammarico da secoli prima che voi nasceste e foste costretti a farvi i conti.




Ballata delle madri

Mi domando che madri avete avuto.
Se ora vi vedessero al lavoro
in un mondo a loro sconosciuto,
presi in un giro mai compiuto
d’esperienze così diverse dalle loro,
che sguardo avrebbero negli occhi?
Se fossero lì, mentre voi scrivete
il vostro pezzo, conformisti e barocchi,
o lo passate, a redattori rotti
a ogni compromesso, capirebbero chi siete?

Madri vili, con nel viso il timore
antico, quello che come un male
deforma i lineamenti in un biancore
che li annebbia, li allontana dal cuore,
li chiude nel vecchio rifiuto morale.
Madri vili, poverine, preoccupate
che i figli conoscano la vilt
per chiedere un posto, per essere pratici,
per non offendere anime privilegiate,
per difendersi da ogni pietà.

Madri mediocri, che hanno imparato
con umiltà di bambine, di noi,
un unico, nudo significato,
con anime in cui il mondo è dannato
a non dare né dolore né gioia.
Madri mediocri, che non hanno avuto
per voi mai una parola d’amore,
se non d’un amore sordidamente muto
di bestia, e in esso v’hanno cresciuto,
impotenti ai reali richiami del cuore.

Madri servili, abituate da secoli
a chinare senza amore la testa,
a trasmettere al loro feto
l’antico, vergognoso segreto
d’accontentarsi dei resti della festa.
Madri servili, che vi hanno insegnato
come il servo può essere felice
odiando chi è, come lui, legato,
come può essere, tradendo, beato,
e sicuro, facendo ciò che non dice.

Madri feroci, intente a difendere
quel poco che, borghesi, possiedono,
la normalità e lo stipendio,
quasi con rabbia di chi si vendichi
o sia stretto da un assurdo assedio.
Madri feroci, che vi hanno detto:
Sopravvivete! Pensate a voi!
Non provate mai pietà o rispetto
per nessuno, covate nel petto
la vostra integrità di avvoltoi!

Ecco, vili, mediocri, servi,
feroci, le vostre povere madri!
Che non hanno vergogna a sapervi
– nel vostro odio – addirittura superbi,
se non è questa che una valle di lacrime.
E’ così che vi appartiene questo mondo:
fatti fratelli nelle opposte passioni,
o le patrie nemiche, dal rifiuto profondo
a essere diversi: a rispondere
del selvaggio dolore di esser uomini.

 

LEGGI ANCHE  Un amore ricambiato: Pasolini e Matera
Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply