Se non posso ballare, non è la mia rivoluzione. È tornato Marc...

Se non posso ballare, non è la mia rivoluzione. È tornato Marc Ribot

by -
0 352
Il nuovo album di Marc Ribot

La composizione e l’arte non vivono in astratto, su un pezzo di carta o ancora come concetto. Dipendono davvero molto da ciò che suona bene in quel momento, in quella stanza, davanti a quei microfoni. Includendo ovviamente quel preciso istante della Storia. Quella è un’altra cosa che è cambiata: avevamo un disco pronto per tre quarti e completamente differente, quando Donald Trump è stato eletto. E per quanto non sia felice dell’elezione di Trump, sono contento che abbiamo riconsiderato ciò che doveva essere pubblicato e l’abbiamo registrato di nuovo. (Da un’intervista ad Aquarium Drunkard)

Marc Ribot è uno di quei nomi in cui, per quanto poco abbiate seguito le traiettoria della musica pop-rock e d’avanguardia degli ultimi (diciamo) trent’anni, in qualche modo e per forza di cose vi siete imbattuti. Un preziosissimo collaboratore e rifinitore, oltre che autore: è la sua chitarra – sempre riconoscibile – a squillare e borbottare in quelle trottole impazzite di fango, ossa e meraviglia che sono le opere del secondo Tom Waits (da Rain Dogs a Bad As Me, passando per Mule Variations e Real Gone); è la sua chitarra il suono cristallino che si apprezza in Raising Sand di Robert Plant e Allison Krauss o nello splendido Easy Come, Easy Go di Marianne Faithfull e in parecchi album di Vinicio Capossela.

LEGGI ANCHE  Tom Waits | Drunk on the Moon

Ma sono pure rumore e sperimentazione, eresia e anarchia, a dare la cifra dell’Artista: nel Pranzo Oltranzista di Mike Patton, negli innumerevoli Filmworks di John Zorn, nei dischi di John Lurie con e senza i Lounge Lizards, nelle uscite in compagnia di Laurie Anderson e Arto Lindsay. E poi Elvis Costello, Cibo Matto, Black Keys e mille altri: il talento multiforme di Ribot, musicista classico prestato all’avant, l’hanno inseguito e lo cercano ancora in tanti, tantissimi. A un certo punto, nemmeno due mesi fa, il Nostro è tornato e l’ha fatto in grandissimo stile, con il suo trio Ceramic Dog – Shahzad Ismaily (basso, moog, voci) e Ches Smith (batteria, elettronica, voci) – e YRU Still Here?, undici tracce e cinquantatre minuti d’incendiario punk-jazz d’impatto fugaziano che fa muovere testa, piedi e culo in ordine variabile.

Marc Ribot e i suoi Ceramic Dog

Non lo so se anche a voi capiti oppure sono solo io che mi avvicino ad ampie falcate ai 35, ma ultimamente ho questo problema: spesso, anche di fronte a dischi belli o molto belli, oggi mi trovo a pensare che manchi qualcosa – quando parlano di sesso è come se il sesso non ci fosse, quando parlano di sentimenti è come se raccontassero di qualcos’altro, quando protestano è come se la politica c’entrasse solo di lato e non fosse invece la vita di tutti i giorni; il sangue, i nervi, la carne, ai nostri giorni, sembrano solo rappresentazioni, ricordi. Ecco, questo rischio in YRU Still Here? non si corre mai: con Ribot le cose sono vere cose, la politica è vera politica, la rabbia è vera rabbia, e che tocchi a un sessantaquattrenne stringere il pugno più forte di gente che ha la metà o un terzo dei suoi anni è una cosa che fa riflettere.

Guardate l’onda nera che vi sta intorno, dappertutto, e trovatemi un argine migliore di Muslim Jewish Resistance, che chiama per nome e afferra alla gola i responsabili del culto della morte di questi anni per sputargli in facciamai più neo-nazisti, fascismo e KKK / mai più Jeff Sessions e Scott Pruitt / mai più Donald Trump e Steve Bannon”. Un inno spiritato e sovversivo, il più bello dell’anno, ma non aspettatevi un comizio da vecchio barbogio: tra chitarre malmenate e ululati sax d’impronta free, c’è semplicemente il fastidio insopprimibile di chi, pur nato dalla parte fortunata del mondo, non ha mai smesso di odiare soprusi e disumanità e di credere che la parola “comunità” abbia un senso. Qui come del resto nell’altro, sferragliante highlight Fuck La Migra – sì, Ribot l’ha capito bene che non c’è più tempo per metafore o sottigliezze, ma bisogna protestare caotici e vitali (questa l’ha detta un amico, d’accordo).

LEGGI ANCHE  Il viaggio dell'Aquarius, portatrice di Salvezza

D’altra parte questo è un album che si apre con una vera e propria dichiarazione d’intenti: “I got the right to be unhappy / I got the right to say fuck you“, strilla sgraziata Personal Nancy – che parla di una relazione passata, eppure in YRU Still Here? ogni sentimento sa farsi politica. Lo stesso vale per i suoni, che si muovono in uno spettro che va dalla provocazione sarcastica allo scontro armato: Agnes, ad esempio, si trasforma lungo la via in un disturbante drone mononota; Pennsylvania 6 6666, invece, è quasi una filastrocca che solo nel finale alza i bpm in un concitato canto brasileiro, ma intanto nel testo – autobiografico, a tema white suprematism e vergato da Ismaily – ti sbatte in faccia prima questo:

Pennsylvania, want to live there
place where everybody is white
love your neighbor like your brother
every day and every night

e poi questo:

at first they hung me out the window
threw my cake out in the rain
called me ugly and disgusting
because I was not Christian

Un album fenomenale, che lascia ampio spazio a divagazioni strumentali – la funkadelia di Oral Sidney With a U, il puro alt-rock da Dischord di Shut That Kid Up (oltre la barriera degli otto minuti), l’Oriente con sitar d’ordinanza di Orthodoxy – mentre la title-track ammalia di bossanova semiacustica e minacciata solo in lontananza da feedback chitarristici, un temporale lontano che sai già inevitabile. Un album fenomenale, dicevamo, tenuto insieme da una rabbia gioiosa e contagiosa, che – come ha detto bene PopMatters – non cerca mai la strada facile, nemmeno nei momenti più leggeri: una di quelle qualità che trasformano una semplice raccolta di canzoni in un classico necessario per ribaltare la visione a tunnel di questi anni cupi.

Titolo | YRU Still Here?
Artista | Ceramic Dog
Durata | 53′
Etichetta | Noise Inc.

Nei casi in cui viene mostrato un prodotto Amazon, in qualità di Affiliato Amazon, riceviamo un guadagno per ciascun acquisto idoneo generato dopo il click sul prodotto

NO COMMENTS

Leave a Reply