L’Innominabile Attuale, per non perdersi nel labirinto del presente

L’Innominabile Attuale, per non perdersi nel labirinto del presente

by -
0 638

Con "L'innominabile attuale", Calasso ci guida in un labirintico presente, fatto di turisti, terroristi, transumanisti, secolaristi. Un saggio per non perdersi nella contemporanea "età dell'inconsistenza".

“L’innominabile attuale”. Pochi sono i titoli che funzionano così dannatamente bene.
Innominabile cattura la volontà di nominare qualcosa per farla esistere all’interno di un linguaggio, permettendo così di acquisirne conoscenza. Affiancato ad attuale, innominabile sottende l’anelito gnoseologico verso la contemporaneità, frustrato dalla difficoltà di trovare un nome che delimiti qualcosa di così sfuggente.

Calasso non rinuncia al tentativo e, sul solco di “The age of anxiety” di Auden, coglie il prevalere dell’inconsistenza sull’ansia, di “una inconsistenza assassina.  È l’età dell’inconsistenza“.
Il suo è un saggio che, al discorso organico con mire di esaustività, preferisce la struttura frammentaria, aforistica, che fa sfilare davanti al lettore terroristi, turisti, transumanisti, dataisti, solo per citarne alcuni.

LEGGI ANCHE  La distopia dell'efficienza: il Mondo Nuovo di Huxley

Al centro di questo carnevale c’è lui, questo lui che potrei essere io, oppure tu, caro lettore: l’Homo Saecularis, la specie homo che compie un ulteriore passo evolutivo attraverso la rimozione del divino, del trascendentale.
Homo Saecularis, sarebbe finalmente libero da ogni vincolo, capace di esprimere il proprio potenziale; eppure – bisognoso del metafisico come dell’ossigeno – non si affranca dal religioso, bensì sostituisce Dio con la Società, il rituale con l’etichetta. Cade vittima del proprio narcisismo.

L’evoluzione (???) della specie.

Il secolarista è un turista della spiritualità: “Rispetto ai religiosi, i secolaristi sono come i turisti rispetto i nativi. Curiosi, simpatetici, talvolta appassionati, spesso impressionati. E sempre accompagnati da un pensiero rassicurante: il ritorno al luogo da dove sono partiti”.

 

I turisti vagano negli stessi territori dei terroristi; questi ultimi sono la mano che compie quel sacrificio rituale che la società crede di aver rimosso, trovandosi invece ad esperirlo in forma diversa, quella del terrorismo casuale: “Davanti all’ uccisione significante, l’insignificante può ritenersi protetto dalla propria insignificanza. Ma davanti all’uccisione casuale l’insignificante si scopre particolarmente esposto, appunto per la propria insignificanza”.

Non si può, naturalmente, parlare del presente prescindendo dalla rivoluzione informatica, dalla centralità dell’hacker, dal dadaismo fatto di destrutturazione e “abrasione del significato” che cede il passo al dataismo foriero dell’iperconnessione.
Il Dato si è fatto carne – effluvio biblico che sottolinea la sacralità del Dato ogg – e il flusso di informazione si presenta come un Wille schopenaueriano che move il sole e l’altre stelle. Occorre dunque “che registriamo e connettiamo la nostra esperienza al grande flusso di dati, e gli algoritmi scopriranno il suo significato e ci diranno che cosa fare”, informa – o minaccia – Calasso riprendendo Harari.

Dall’algoritmo alla simulazione, o meglio, all’emulazione dell’uomo da parte di se stesso, il passo è breve e spesso compiuto trascurando quello che è lo scopo dell’emulo, ovvero sostituirsi al proprio modello. Porte spalancate allora ai transumanisti…

Queste tematiche, queste ideologie serpeggianti, queste correnti di pensiero dilaganti, erigono l’insidioso labirinto dell’epoca odierna, così inconsistente eppure così ingabbiante. “L’innominabile attuale” non indica purtroppo la via d’uscita, ma ne traccia una preziosa mappa, con la finezza di penna e di pensiero tipici di Calasso.

LEGGI ANCHE  Houellebecq: fisica delle Particelle Elementari

In che mondo viviamo? In che epoca viviamo?
Sono domande urgenti, pressanti, talvolta soffocate da una modernità vorticosa in cui il pro(re)gresso avanza a falcate ben più ampie della riflessione etica o filosofica su dove effettivamente esso ci conduca.
Che fare? Intanto continuare a porsi queste domande, tentare di non smarrirsi, cercare coordinate; ne “L’innominabile attuale” potete stare certi di trovarne.

Anche tu puoi sostenere SALT! Negli articoli dove viene mostrato un link a un prodotto Amazon, in qualità di Affiliati Amazon riceviamo un piccolo guadagno per qualsiasi acquisto generato dopo il click sul link (questo non comporterà alcun sovrapprezzo). Grazie!

NO COMMENTS

Leave a Reply